«Shadow», l’identità di un’ombra nel nuovo film di Zhang Yimou è cinema che ammalia

Share: