“La cura del benessere”: il cinema di forma tra cliché e vuoto narrativo

Share: